“Denise Pipitone è viva. A breve tutti saprete la verità”. La rivelazione dell’ex pm

Denise Pipitone è viva. Ex pm Maria Angioni: “A breve la verità”. Nuove rivelazioni sul caso: a sostenerlo è l’ex pubblico ministero

denise pipitone
“Denise Pipitone è viva. A breve tutti saprete la verità”. La rivelazione dell’ex pm (websource)

Da quando è stato riaperto, il caso Denise Pipitone sta scuotendo l’Italia. Si cerca la verità sulla bambina scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo. Ma secondo l’ex pm titolare delle indagini iniziali, Maria Angioni, la verità verrà presto a galla e la bambina è ancora viva. Lo sostiene l’ex magistrato in un’intervista a “La Nuova Sardegna”. E’ stata la Angioni ad aver svolto per prima le indagini sulla scomparsa di Denise, avvenuta nei pressi della sua casa a Mazara del Vallo il 1 settembre 2004.

La Angioni è stata prima affiancata alle indagini e poi titolare delle stesse. Dopo il suo trasferimento a Cagliari non ha più seguito il caso, ma in questo periodo sta parlando spesso per commentare la riapertura del caso con due nuovi indagati. Secondo l’ex pm Denise è viva, e ritiene che le ultime indagini stanno facendo passi avanti e che possono portare alla verità.

Leggi anche – Denise Pipitone, spuntano nuovi retroscena: esce allo scoperto l’autore della lettera anonima

Denise Pipitone, le nuove indagini a un passo dalla svolta?

Denise Pipitone
(fonte: web source)

Angioni sostiene che oggi c’è chi sa dove è stata portata la bambina dopo il rapimento e dove vive oggi. “Questa persona è testimone di cosa è accaduto e forse ha partecipato all’azione. Oggi sarebbe pronta a parlare perché forse un patto è saltato”. Sempre secondo la Angioni, nelle intenzioni dei rapitori di Denise c’era di ucciderla, ma i piani sono cambiati. Ma pur di non consegnarla alla famiglia, la bambina è stata fatta sparire per sempre. Ecco perché nuove rivelazioni potrebbero aprire una luce diversa su una vicenda che va avanti da 17 anni.

Nuove perizie e forse nuove testimonianze potrebbero portare a una svolta. Al vaglio degli inquirenti la posizione di Anna Corona, della figlia Jessica Pulizzi, che all’epoca godevano di un “muro di protezione”, sostiene l’ex pm. Questo muro oggi sarebbe crollato. Indagati sono la stessa Anna Corona e Beppe Della Chiave. Tuttavia, l’avvocato di Piera Maggio chiede di non interferire con le indagini, proprio perché la svolta sarebbe a un passo.