Curiosità: sai a cosa serve la piccola tasca anteriore dei jeans?

La tasca piccola dei jeans viene usata per contenere molte cose. Ma sai perché è stata introdotta? Ecco la risposta alla tua curiosità

Ci sono domande che ogni essere umano si è posto almeno una volta nella vita: “Da dove veniamo?”, “Chi siamo?”, “Siamo soli nell’Universo?”. Ce ne sono alcune che possono sembrare stupide ma che in realtà non lo sono. Una cosa che tutti hanno pensato almeno una volta nella vita è a cosa serve la piccola tasca dei jeans.

Piccola tasca anteriore jeans
web source

Nel corso della storia ha cambiato funzione e quindi oggi proveremo a ripercorrere tutte le sue evoluzioni. Parliamo di un vero classico della moda, che non tramonta mai e che è presente nei modelli attuali, sia maschili che femminili. I jeans, infatti, sono un evergreen, un capo intramontabile da decenni. Chi non ne ha almeno un paio nel proprio armadio?

Oggi proveremo a dare un senso alla presenza di quella piccola tasca anteriore. In tanti l’abbiamo utilizzata per metterci un biglietto dell’autobus o una monetina, in realtà c’è una storia dietro quella tasca e oggi ve la vogliamo raccontare. Immergiamoci nella storia, quindi.

Ti potrebbe interessare ancheCovid, individuata in Vietnam una nuova pericolosa variante

La storia della piccola tasca anteriore dei jeans

Come abbiamo già detto, c’è un quesito che in tanti si pongono da anni: “A cosa serve quella piccola tasca anteriore che c’è nei jeans?”. Soprattutto i Levi’s la ripropongono sempre ma ormai lo fanno quasi tutti i marchi più noti. Ma perché esiste quella tasca? E perché è stata messa proprio in quel posto?

I jeans nascono come capo d’abbigliamento da lavoro, pensato per persone che non potevano usare i gilet che andavano di moda all’epoca. E allora dove si poteva mettere l’orologio da taschino? Ovviamente nella piccola tasca anteriore, che in principio si chiamava proprio “Watch Pocket”, cioè taschino per l’orologio.

Orologio da tasca
web source

All’epoca non esisteva ancora l’orologio da polso, parliamo della fine del XIX Secolo, e quindi bisognava trovare una tasca dove riporre il prezioso oggetto. I lavoratori, quindi, riponevano l’orologio in quel piccolo taschino durante le ore di lavoro. Poi, nel corso degli anni, l’utilizzo di quel taschino è cambiato.

Prima è diventato il taschino dove riporre qualche moneta e poi le persone hanno iniziato a conservare i biglietti dei mezzi pubblici, quando le città hanno iniziato a svilupparsi dal punto di vista urbano. Successivamente, è diventato anche il luogo perfetto per riporre un preservativo. Infatti quel taschino è stato soprannominato anche “condom pocket”.

Leggi ancheMettere lo smartphone nel frigorifero è utile. Scopri il perché in tanti lo fanno

Cosa pensano gli esperti

Gli esperti della Levi’s spiegano che nel 1973 quel taschino anteriore venne adattato ai cowboy, che erano soliti portare l’orologio da tasca con la catena e lo riponevano nel gilet di pelle. La piccola tasca anteriore servita a non danneggiare l’orologio durante le ore più intense di lavoro. Ma anche il numero delle tasche è cambiato nel corso degli anni.

Jeans Levi's
web source

Inizialmente, i jeans avevano quattro tasche: una posteriore, due anteriori più grandi e la piccola tasca anteriore per l’orologio da tasca. Ma le persone conservavano di tutto, anche qualche fiammifero o i biglietti dell’autobus, soprattutto quando sono arrivati gli orologi da polso, più comodi e certamente più commerciali.

Nel corso del tempo, essendo esposta agli agenti atmosferici, quella piccola tasca anteriore sbiadisce. Questo piace molto agli amanti dei jeans. C’è anche molta gente che non l’ha mai usata, ritenendola troppo piccola e scomoda. E tu, come utilizzi quella piccola tasca? Conoscevi la sua storia? Seguici per altre curiosità sempre originali e interessanti.

tasche
web source