Covid, varato il ‘Green Pass’ europeo: cos’è, come funziona e a che serve

L’Unione Europea ha varato l’atteso “Green Pass” valido per tutto il continente. Ecco cos’è, come funziona e a cosa serve

Green-pass europeo
Green-pass europeo (web source)

L’estate è alle porte e la battaglia contro il Covid sembra sempre più a favore delle persone. La campagna vaccinale, infatti, ha oramai preso pieno ritmo in tutta Europa e presto la somministrazione del vaccino ad un’alta percentuale della popolazioni condurrà verso il raggiungimento della tanto agognata “immunità di gregge”.

Un obiettivo che sembrava arduo a prima vista ma che si sta rivelando sempre più vicino. Grazie alla scienza è dunque possibile sperare di tornare il prima possibile ad una vita quanto più “normale”.

Con la bella stagione aumenta la voglia di divertirsi e di distrarsi e per questo il varo del Green Pass europeo da parte dell’Unione proprio quest’oggi appare come una grande conquista. Ecco di che si tratta e come funziona.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Tracciamento Covid? Ci pensa Google Maps. Come attivare la funzione

Green Pass europeo, varato il documento valido in tutto il continente

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Palazzo Chigi (@palazzo_chigi)

 Il Green Pass è un documento che attesta la non contagiosità della persona perché vaccinata o negativa al tampone o già guarita dal Covid. Per i primi sarà valido per circa 9 mesi dal 15 esimo giorno dopo la vaccina completa, per i secondi 48 ore mentre nel terzo caso avrà validità di 6 mesi.

La certificazione sarà totalmente gratuita in formato digitale o cartaceo e servirà per gli spostamenti. Dovrebbe entrare in vigore dal primo di luglio, dal momento che è stato varato dall’Unione Europea con 546 voti favorevoli, 93 contrari e 51 astenuti.

Una svolta davvero non di poco conto per tutti gli europei che potranno così riprendere a viaggiare all’intero dello spazio di Schengen e contribuire a far riprendere il settore del turismo che risulta essere uno dei più colpiti in assoluto dalla pandemia. Per l’estate che si avvicina, però, l’invito che ha più preso piede sembra essere quello di viaggiare in Italia, al fine di sostenere le imprese e il settore alberghiero italiani.