Curiosità: perché le porte dei bagni pubblici non arrivano a terra? Ecco 10 motivi

Curiosità. Esistono almeno 10 motivi sorprendenti per cui le porte dei bagni pubblici non arrivano a terra. Proviamo a scoprirle insieme

Molte volte ci poniamo domande difficilissime come il mistero della vita o come risolvere un problema che sembra irrisolvibile. Spesso, però, ci poniamo delle domande senza nemmeno rendercene conto. Forse perché il quesito può sembrare stupido o poco interessante e in realtà non è così. Oggi vedremo un esempio.

Bagni pubblici porte
Le porte di un bagno pubblico (foto: web source)

Chi di voi non si è mai chiesto perché le porte dei bagni pubblici non arrivano a terra? Quante volte siamo stati in un bagno pubblico e, almeno per un attimo, abbiamo pensato a questa cosa? Oggi proveremo a darvi delle risposte. Sì, perché non c’è una sola soluzione a questo quesito, ma ben dieci e tutte valide.

Scopriamo insieme, quindi, perché le porte dei bagni pubblici non arrivano a terra. Ecco le dieci risposte più plausibili.

Ti potrebbe interessare ancheCristiano Ronaldo e il crollo delle azioni Coca-Cola in borsa: è una fake news

Le porte dei bagni pubblici non arrivano a terra, perché? Le 10 risposte migliori

Anche se può sembrare scomodo, a tutti noi è capitato almeno una volta della vita di utilizzare un bagno pubblico. Lo abbiamo fatto nei casi di massima urgenza, quando non si poteva proprio farne a meno. Anche se c’è chi li utilizza quotidianamente senza porsi alcun tipo di problema. Oggi vedremo perché le porte dei bagni pubblici non arrivano a terra: ecco le dieci risposte migliori.

  • Permette di vedere se c’è una persona che si sente male

Se qualcuno ha un malore in un bagno pubblico c’è il rischio che nessuno se ne accorga. Le porte leggermente rialzate consentono di vedere se una persona ha bisogno di aiuto e permettono di intervenire tempestivamente, prima che la situazione degeneri.

  • Permette di vedere se c’è qualcuno dentro

Quante volte abbiamo aspettato dietro una porta senza sapere se in quel bagno ci fosse qualcuno o no? Tutto questo perché non volevamo aprirla e rischiare di trovarlo occupato. Abbassandosi un po’, invece, si può verificare se quel bagno è occupato senza disturbare la persona durante i suoi bisogni.

  • Aiuta ad espellere i cattivi odori

I bagni pubblici sono solitamente molto piccoli. Per evitare che i cattivi odori restino dopo l’utilizzo c’è bisogno di ventilarli perbene. L’apertura sotto la porta permette proprio questo e consente anche un utilizzo del bagno continuo.

  • Sono più economiche

Una porta più lunga richiede l’utilizzo di più materiali per la costruzione, quindi costa di più. Al contrario, una porta più corta di qualche centimetro, fa risparmiare ed è più economica. Soprattutto nei luoghi nei quali ci sono molti bagni pubblici, il risparmio ottenuto non è irrisorio.

  • Dissuadono i vandali

Un problema dei bagni pubblici è la pessima abitudine di vandalizzarli. Graffiti o scritte volgari sui muri sono all’ordine del giorno e danno fastidio a molte persone. Con le porte che espongono le gambe il vandalo si sentirà osservato e potrebbe desistere dal suo intento. Inoltre, con meno spazio a disposizione, chiunque volesse fare un graffito avrebbe meno centimetri per completarlo.

Leggi anche“Sei volgare, chiudile”. Alessia Marcuzzi asfaltata per la posa in barca

Curiosità
La curiosità di oggi riguarda le porte dei bagni pubblici (foto: web source)
  • Offrono una via d’uscita se si rimane bloccati

Soprattutto chi soffre gli spazi piccoli e chiusi sa bene quanto sia complicato restare chiusi dentro un bagno. Se la porta, per un motivo qualsiasi, resta bloccata c’è sempre una via di fuga ed è proprio l’apertura sottostante. Questa apertura può essere utile anche in caso di terremoto, qualora non dovesse più aprirsi la porta.

  • Ti permettono di richiedere la carta igienica se non c’è

Quante volte ti è capitato di utilizzare un bagno pubblico e dare per scontata la presenza della carta igienica? E quante volte ti sei reso conto che in realtà non c’era? L’apertura sotto la porta ti può permettere di chiedere aiuto a qualcuno per farti passare la carta igienica, senza dover aprire la porta per uscire dal bagno.

  • Fanno perdere meno tempo

Molte persone, quando sono a casa, passano ore in bagno. Ovviamente, in un luogo pubblico tutto ciò non è possibile. In questi casi usufruiamo di un servizio accessibile a tutti e quindi ci dobbiamo limitare soltanto all’utilizzo e basta. L’apertura sotto la porta riduce la privacy e quindi spinge le persone a trascorrere poco tempo in bagno.

  • Facilitano la pulizia

La pulizia dei servizi igienici è fondamentale. Quando troviamo un bagno sporco ci resta sempre un pessimo ricordo di quel luogo. L’apertura nella parte inferiore della porta facilità la pulizia del bagno pubblico. L’addetto può lavare il pavimento anche da fuori e in questo modo si rende più rapido anche il processo di asciugatura.

  • Impediscono inondazioni

I bagni pubblici sono spesso soggetti ad otturazioni e rischiano di inondarsi di acqua. Tutto ciò è igienicamente da evitare ad ogni costo. L’apertura sotto la porta consente il deflusso dell’acqua, solitamente in un piccolo tombino posto al centro del locale. La perdita d’acqua segnalerà anche ai responsabili il problema, che sarà risolto in tempi più brevi.

Bagni pubblici
Bagni pubblici (foto: web source)