Don Matteo 13, cambia tutto: il maresciallo Cecchini come non l’avete mai visto

Don Matteo 13: nella serie che segna la svolta dell’amata fiction di Rai 1, un personaggio appare come non è stato mai visto prima

Cresce l’attesa pef Don Matteo 13, l’apprezzata serie di Rai 1, diventata ormai un vero e proprio cult del pubblico di Rai 1. La prossima edizione, che andrà in onda nel 2022, vedrà il traumatico addio di Terence Hill, indiscusso protagonista (del resto dà il nome alla serie) che a ormai 80 anni va meritatamente in pensione. Al suo posto arriverà Don Massimo, che sarà interpretato da Raul Bova e che sarà il suo erede.

Cambia tutto: il maresciallo Cecchini come non l’avete mai visto (websource)

Il cambio di testimone sarà oggetto di una serie di puntate, con Terence Hill che uscirà di scena alla quinta puntata. Per questa stagione la serie si chiamerà ancora “Don Matteo”, ma nella prossima (se confermata, al momento non è ufficiale) prenderà il nome di “Don Massimo”. Ovviamente bisognerà incrociare le dita e vedere come andranno gli ascolti dopo l’uscita di Terence Hill.

Leggi anche – Simone Montedoro, chi è: età, altezza, malattia e Don Matteo

Don Matteo 13, nella nuova stagione un maresciallo Cecchini “inconsueto”

Per fortuna il resto del cast (aspettando Raul Bova e vedere come se la cava) resta invariato, quantomeno nei personaggi classici della fiction. Tra questi il simpaticissimo Nino Frassica, che interpreta il maresciallo Cecchini ed è, in sostanza, la spalla di Don Matteo. In questo caso, l’amatissimo personaggio è confermatissimo e rimarrà un punto di riferimento per il pubblico, che dovrà abituarsi all’importante cambio di protagonista.

Leggi anche – Don Matteo 13, non solo Terence Hill: un altro addio che fa male

La foto dal set di Don Matteo con l'addio di Terence Hill
La foto dal set con l’addio di Terence Hill

Ciò che caratterizzerà il passaggio di testimone, è un rapporto tra Cecchini e Don Massimo un po’ burrascoso. Evidentemente, anche il carabinieri disapprova l’addio del popolare prete e farà fatica ad accettare la novità. Ecco perché il pubblico si riconoscerà un po’ in lui, e quindi vedrà un Frassica un po’ più spigoloso rispetto al solito.