Patrizia Mirigliani, mamma Nicola Pisu: “Abbiamo combattuto insieme”

Patrizia Mirigliani, la mamma di Nicola Pisu, torna al Grande Fratello Vip per una sorpresa al figlio dopo la battaglia vinta insieme.

Patrizia Mirigliani, la mamma di Nicola Pisu, ha combattuto insieme al figlio per aiutarlo a vincere la battaglia contro la dipendenza dalla droga. Come tutte le mamme non si è mai arresa ed oggi il figlio non nasconde la gratitudine nei suoi confronti per “avergli salvato la vita”.

patrizia mirigliani
Screenshot da video

La Mirigliani è così già stata ospite del Grande Fratello Vip 2021 per fare una sorpresa al figlio Nicola Pisu che è uno dei concorrenti. Nel corso del commovente incontro, la Mirigliani si è detta felice e orgogliosa della vita che il figlio Nicola si sta ricostruendo e, questa sera, è pronta a tornare nella casa di Cinecittà per una nuova sorpresa.

Patrizia Mirigliani, la lotta contro la dipendenza dalla droga del figlio Nicola Pisu

Patrizia Mirigliani non si è mai arresa e, con grandissimo dolore, ha fatto tutto quello che era nelle sue facoltà per salvare il figlio Nicola Pisu. In un’intervista rilasciata ai microfoni de Il Fatto Quotidiano, la Mirigliani ha parlato proprio degli anni in cui ha lottato insieme a Nicola.

LEGGI ANCHE—>Amore al Grande Fratello Vip: lei ha solo occhi per lui

nicola pisu gf vip miriana
foto da instagram

“È durata tantissimi anni, da quando lui aveva 18 anni, con alti e bassi. In alcuni momenti si pensava che potesse esserne uscito. Quando ci ricadeva, era un dolore in più per lui e per me. Queste battaglie le combatti sempre insieme. Con Nicola abbiamo tentato varie strade, senza mai la convinzione che gli ho visto recentemente. Andare a esporsi in un programma pubblico è stato coraggioso”, ha raccontato al Fatto Quotidiano mamma Patrizia.

LEGGI ANCHE—>Soleil Sorge smascherata: la verità salta fuori dopo la diretta del Grande Fratello Vip

Sulla partecipazione al Grande Fratello Vip 2021, infine, ha detto: “Il fatto che nella casa più spiata d’Italia entri un ragazzo che porti il suo mondo, le sue difficoltà, come la paura del giudizio e l’integrazione nei gruppi, è terapeutico. Per lui è un confronto continuo. Se non ce l’ha con i suoi compagni di casa, ce l’ha con il pubblico o con Alfonso. Nicola non basa la sua partecipazione al GF sulla strategia o sul conflitto, che troppo ha subito negli anni della scuola, ma rappresenta semplicemente se stesso con pregi e difetti”.