Ricordate com’era Anna Falchi agli esordi? L’incredibile trasformazione

Com’è cambiata Anna Falchi. All’anagrafe Anna Kristiina Palomäki Falchi, oggi tra le attrici e conduttrici più amate della tv italiana

Anna Falchi da anni nei sogni degli italiani: la bellissima soubrette, attrice e oggi apprezzata conduttrice, ha letteralmente spopolato qualche anno fa con i suoi prodigiosi calendari. In posa senza veli ma mai volgare, la bellezza in stile nordico unita a delle forme invidiabili. La Falchi è stata tra le più ammirate dal pubblico, e anche oggi che non è più una ragazzina il suo fascino rimane intatto. A 48 anni il suo fascino è ancora irresistibile, e grazie a Instagram i suoi followers possono ammirarla nelle tanto foto che spesso concede.

Ricordate com'era Anna Falchi agli esordi? L'incredibile trasformazione
Ricordate com’era agli esordi? L’incredibile trasformazione (websource)

Ed è noto anche il suo smisurato amore per la squadra del cuore, la Lazio. Una passione che lei ha coltivato sin dagli esordi. Si pensi che le sue prime apparizioni risalgono al 1989, quando ha partecipato a Miss Italia (ma è di origini finlandesi) arrivando al secondo posto. Tuttavia si consolò col titolo di miss Cinema, e infatti fu in quell’ambito che cominciò ad affermarsi.

Leggi anche – Anna Falchi, che trasformazione incredibile dagli esordi: ecco com’era

Anna Falchi, giovanissima in versione “tifosa”: com’era nel 1996

La sua non è una filmografia particolarmente prestigiosa, ma chi vuole ammirarla in tutto il suo splendore può recuperare il film “Dellamorte Dellamore”, un film horror un po’ particolare del 1994 dove la Falchi è all’apice della sua bellezza, mettendo in mostra il suo meraviglioso fisico. Ma sempre più o meno di quell’epoca c’è anche un altro scatto: stavolta lo presenta la stessa conduttrice attraverso il suo profilo Instagram ufficiale.

Leggi anche – La Partita, Anna Falchi sul campione: “Ha giocato male quella con la vita”

“Era il 1996, aveva appena 24 anni e si è messa in mostra con la sciarpa della Lazio. L’altro giorno mi contatta il mitico Giuseppe Calzuola, fotografo storico della Lazio, e mi invia un po’ di foto di repertorio. Correva l’anno 1996. Divenni così ufficialmente “laziale”, scrive la Falchi mostrandosi giovanissima e stupenda.