Donald Trump torna all’attacco e lancia la sfida a Facebook e Twitter

Donald Trump torna alla carica dopo i ban ricevuti dai maggiori social network e risponde creando la sua propria piattaforma

Donald Trump
web source

Donald Trump è tornato. L’ex presidente USA, dopo la sconfitta elettorale subita contro Joe Biden, per un po’ di tempo era come scomparso. In una delle sue ultime interviste, però, aveva ribadito al pubblico di avere intenzione di ricandidarsi per la Casa Bianca nel 2024.

LEGGI ANCHE: DONALD TRUMP È TORNATO: “NEL 2024 POTREI RICANDIDARMI”

Il tycoon, però, era stato “messo a tacere” sui social network e quindi la sua voce negli ultimi tempi si era molto affievolita. Facebook e Twitter, ma anche il suo canale youtube, sono stati chiusi e proprio in questi giorni il social di Mark Zuckerberg deciderà se revocare o meno il ban, mentre Twitter fa sapere che il suo ban è permanente.

Donald Trump lancia la sua piattaforma “per parlare liberamente e in sicurezza”

Il saluto di Donald
web source

Trump, però, non ha di certo intenzione di starsene fermo in attesa delle decisioni dei due colossi della comunicazione. L’ex presidente aveva già un piano b e dopo qualche tempo ha deciso di tornare all’attacco.

Donald ha creato una sua piattaforma personale, già online e accessibile a questo indirizzo. Si chiama “From the Desk of Donald J.”, ovvero tutto ciò che ci sarà arriva direttamente dalla sua “scrivania personale”. Si tratta di un sito dove tutti gli utenti potranno registrarsi e ricevere in tempo reale tutti gli aggiornamenti sulla vita politica del repubblicano.

Ci sono anche i pulsanti per condividere le notizie pubblicate su Facebook e Twitter. Facendo così, saranno gli stessi suoi sostenitori a sostituirsi a lui nella propaganda. Bisognerà poi vedere come reagiranno i social e se decideranno di bloccare anche coloro che posteranno le notizie riprese dal sito di Trump.

LEGGI ANCHE: TWITTER, IL PATRON JACK DORSEY SUL BAN A TRUMP: “E’ UN FALLIMENTO”

Lo spazio digitale prevede anche una sezione video, oltre che quella dedicata ai comunicati per agevolare i rapporti con i media. Un luogo in cui, come si legge nel video di presentazione, “si potrà parlare liberamente e in sicurezza”.