Grande Fratello Vip 2021: ecco perché le opinioniste popolari non sono in studio

Ecco che fine hanno fatto le opinioniste del popolo del Grande Fratello Vip 6 e perché non sono presenti nello studio di Canale 5

Una delle novità del Grande Fratello Vip, giunto alla sesta edizione, dovevano essere le “opinioniste popolari”, vale a dire persone comuni ma grandi esperte del reality, che dovevano dissertare sul programma da un punto di vista quasi “tecnico”. E’ stata la produzione a pubblicizzare la cosa, ma alla fine sono già sparite dopo essere entrate in corsa.

Grande Fratello Vip 2021: ecco perchè le opinioniste popolari non sono in studio
Grande Fratello Vip 2021: ecco perché le opinioniste popolari non sono in studio (websource)

Le abbiamo viste nella quarta puntata, quando hanno iniziato a punzecchiare (con insistenza, anche troppa) Raffaella Fico e Lulù Selassié. Adriana e Rossella, questi i loro nomi, hanno poi in modo imbarazzante cambiato nome nella puntata successiva, diventando Maria e Rossella. La scelta, chiaramente non da parte loro, per non fare confusione con Adriana Volpe presente in studio.

Leggi anche – Il crollo di Miriana Trevisan: lacrime di dolore al Grande Fratello Vip

Grande Fratello Vip, il “caso” delle opinioniste del divano

Sì, perché l’idea degli autori è che queste due opinioniste dovevano fare la loro parte dal divano di casa, in collegamento. Non c’entra nulla il Covid, ma si tratta di una precisa scelta per rendere bene l’idea delle opinioniste dal divano di casa, appunto.

opinioniste popolari grande fratello vip 2021
Screenshot da video

Inizialmente le donne erano state ospitate in studio, poi il dietrofront. Ma va detto che l’idea originale ha sempre previsto la loro partecipazione da casa.

Leggi anche – Manuel Bortuzzo e Lulù: al Grande Fratello Vip la sentenza di Aldo Montano

Un esperimento durato due puntate e che, evidentemente, non ha funzionato. Probabilmente, raddoppiare gli interventi degli opinionisti appesantiva ulteriormente il dibattito, e a quanto pare i contributi delle “opinionisti popolari” non hanno lasciato il segno, aggiungendo ben poco a quanto già si dice ampiamente in studio.