Vite al limite cambia tutto: da 305 kg ad una trasformazione stupefacente

Ha partecipato al programma Vite al Limite quando pesava ben 305 chili. Era in pericolo di vita, ma poi la sua vita è cambiata del tutto

Vite al limite è il noto programma trasmesso (in Italia) su Real Time che racconta l’esperienza di persone gravemente obese. Questi si affidano alle cure dell’esperto dottor Nowzaradan, che dalla sua clinica di Houston, in Texas, intraprende un percorso di cure per arrivare all’operazione di bypass gastrico che spesso salva la vita di molte persone.

Vite al limite cambia tutto: da 305 kg ad una trasformazione stupefacente
Vite al limite cambia tutto: da 305 kg ad una trasformazione stupefacente (websource)

Molti di questi percorsi si concludono felicemente, altri purtroppo no. Per fortuna la maggioranza dei casi vede degli esiti positivi. Uno di questi riguarda una paziente che aveva perfino ottenuto il poco edificante Guinnes World Record della donna più pesante al mondo. E’ arrivata a pesare addirittura 305 chili, prima di rivolgersi alla famosa clinica.

Leggi anche – Pesava 298 kg: dopo Vite al limite diventa una star di Instagram

Vite al limite, dal “Guinness” per il peso più alto a una vita sana

Era totalmente schiava del cibo e incapace ormai di muoversi, ma ha accettato di seguire il percorso di recupero. Le prime settimane sono state difficili: incredibilmente, nelle prime settimane di dieta invece di dimagrire è ingrassata ancora. Ma piano piano la donna si è messa sulla retta via e ha perso peso. La chiave di volta è stato il cambio di mentalità: finalmente la donna ha accettato di seguire le indicazioni del dottor Nowzaradan, capendo che doveva sbloccarsi dal punto di vista mentale.

Leggi anche – Da 275 kg ad una nuova vita: dopo Vite al limite, Tara è così

Pauline Potter prima e dopo
Pauline Potter prima e dopo (websource)

Solo allora è riuscita a dimagrire, arrivando a perdere la giusta quantità di chili per potersi operare e poi proseguire con un regime alimentare sano. Parliamo di Pauline Potter, che ha partecipato all’edizione 2011. La 57 di Sacramento, negli USA, ora può finalmente vivere una vita più serena ed essere di esempio per le persone malate di obesità.