Grande Fratello Vip 2021, doppia bomba per Signorini: chi potrebbe entrare in casa

Grande Fratello Vip cerca concorrenti. Il reality di Signorini posticipa la data di chiusura e tratta due personaggi importanti

Il Grande Fratello Vip continua ad avere un grande successo. Prosegue a gonfie vele il reality di Alfonso Signorini, che molto probabilmente proseguirà oltre le puntate previste ed andrà avanti anche nel prossimo anno. Da dicembre, dovrebbe proseguire fino a febbraio, anche se la decisione non è ancora ufficiale. Una durata eccezionale per un reality così imponente dal punto di vista dell’organizzazione, e di certo il prolungamento porterà qualche conseguenza.

Grande Fratello Vip 2021, doppia bomba per Signorini: chi potrebbe entrare in casa
Grande Fratello Vip 2021, doppia bomba per Signorini: chi potrebbe entrare in casa (websource)

Ad esempio, si vocifera che Alfonso Signorini dovrà rinunciare a qualche nome importante, soprattutto in vista dei nuovi ingressi. Infatti, è possibile che qualcuno degli attuali concorrenti non se la senta di proseguire così a lungo, mentre per quel che riguarda possibili nomi nuovi, Leggo ne fa due in particolare.

Leggi anche – Il segreto di Lulù Selassiè al Grande Fratello Vip: lo sfogo e le lacrime

Grande Fratello va avanti e tratta due super nomi come possibili concorrenti

Si parla di Francesco Baccini, già visto a “Music Farm” (un reality a tema canoro) e visto anche nell’edizione dello scorso anno per la sua “liason” con Maria Teresa Ruta. L’altro nome è quello di Jerry Calà, il noto attore e popolare showman, famosissimo negli anni ’80 e oggi mai visto nei reality. Sono due nomi altisonanti, anche se su Jerry Calà ci sono perplessità. Sembra improbabile la sua partecipazione, e lui stesso spiegò che una volta diede un ok iniziale ma poi non se la sentì più, tanto che non intavolò neanche una trattativa.

Leggi anche – Grande Fratello Vip, è ufficiale: il provvedimento inevitabile

Per quel che riguarda Baccini, anche questo nome è di difficile concretizzazione: forse ci sarebbe la sua disponibilità, ma solo a fronte di un compenso economico importante. Improbabile che la produzione decida di investire “in corsa” una cifra elevata per un programma già ben avviato.