Trasformazione incredibile con Vite al limite: irriconoscibile

Pesava quasi 300 chili quando è apparsa per la prima volta nella sesta stagione del reality di Real Time, Vite al limite, era il 2018

Quando entrano nella clinica del dottor Now a Vite al Limite sono in condizioni disperate: l’aspettativa del pubblico e che con tanti sacrifici e una terapia molto specifica riescano poi a guarire dall’obesità grave e tornare a un’esistenza normale. Purtroppo, la maggior parte dei pazienti del programma di Real Time tocca dei pesi al limite della sopportabilità. I casi più gravi riguardano soprattutto le donne, come ad esempio Janine Mueller.

Trasformazione incredibile con Vite al limite: irriconoscibile
Trasformazione incredibile con Vite al limite: irriconoscibile (websource)

Era arrivata a pesare quasi 300 chili, e l’abbiamo vista nella sesta stagione del noto show americano. La donna era di fatto costretta a letto, perché non riusciva più a muoversi: costretta a letto, ha dovuto faticare molto per recuperare. Il famoso medico chirurgo, il dottor Younan Nowzaradan ha stilato un programma apposito per lei.

Leggi anche – E’ stata la coppia di Vite al limite più chiacchierata: ecco cos’è successo dopo

Vite al limite, il difficilissimo percorso di Janine è stato pieno di ostacoli

Il suo caso è stato tra i più importanti, tanto da meritare un approfondimento in “Vite al limite, e poi”, che due anni dopo è tornato sulle condizioni della donna. Janine ha faticato molto per ritrovare un peso accettabile: è partita forte, perché già solo nel corso del primo episodio aveva perso 50 chili. Purtroppo i 250 chili rimasti non le consentivano di potersi operare di bypass gastrico.

Leggi anche – 600 kg in due: dopo Vite al limite, l’incredibile trasformazione

Janine Mueller prima e dopo
Janine Mueller prima e dopo (websource)

Ecco perché si è trasferita a Houston per una cura più incisiva, e solo dopo molti sacrifici è riuscita a trovare la strada giusta. Il dottor Now, infatti, ha dovuto faticare parecchio per farsi seguire. E di fatto ha dovuto stringere la cinghia e aumentare l severità della dieta della donna: la sua guarigione, infatti, non poteva avvenire senza l’operazione che quando poi è avvenuta le ha consentito di riprendere finalmente a vivere.