Categorie
Recensioni Software

Recensione: Must, l’importanza di una UI

Di Antonio Scalogna

Must è un’app alternativa a TV Time che permette di avere tutti i film e serie tv sotto controllo.

Conoscete TV Time? Quest’applicazione purtroppo è stata aggiornata ed è diventata pesante e poco user friendly, tant’è che molte della sue funzionalità o sono scomparse, o sono nascoste in sottomenu, insomma per me è bocciata!  Quindi sono andato alla ricerca di altre applicazioni che mi permettessero di fare la stessa cosa ma con una grafica più accattivante, e ho trovato Must.
Quest’applicazione permette di fare le stesse identiche cose di TV Time ma con una grafica nettamente più semplice, intuitiva e perfetta per lo stile di iOS. Sono presenti tutti film, vecchi, nuovi e in uscita, quest’ultimi sono nella prima schermata in modo da poter essere aggiunti semplicemente alla lista desideri.

Categorie
Software

La migliore app iOS per leggere i feed RSS: lire

Di Leonardo Razovic
L’uso dei feed RSS è in declino dal 2013, anno della chiusura di uno dei servizi più popolari per gestire ed aggregare le proprie notizie, Google Reader. Cinque anni dopo il mondo delle notizie è cambiato. Molte persone rimangono aggiornate via Social Network, sopratutto tramite Twitter, ma volendo é possibile farlo persino attraverso Instagram ormai. In alternativa è possibile utilizzare servizi quale Google News che ci permettono di avere in un colpo d’occhio un resoconto delle notizie della giornata, con la possibilità di avere una serie di contenuti “per te” basati sulle letture precedenti. In alcuni casi però, oggi più che mai, è necessario avere il controllo sulle proprie fonti ed il modo migliore è ricorrere ad una tecnologia del secolo scorso, il feed RSS, messo a disposizione da tutti i siti web. Come aggregatore si può utilizzare il famoso Feedly, oppure Feedbin, che offrono delle comode interfacce web per leggere le notizie su Computer oppure applicazioni per iOS ed Android, perché quindi ricorrere ad un’applicazione di terze parti? Per un semplice motivo, spesso (purtroppo) i testi degli articoli forniti attraverso il feed sono troncati, con un link che riporta al sito web in modo tale da generare traffico e guadagnare attraverso le pubblicità.
lire

lire risolve questo problema. Una volta configurati i nostri servizi (io personalmente mi trovo bene con la versione gratuita di Feedly) l’applicazione si presenta molto semplice, rispettando perfettamente i canoni stilistici delle ultime versioni di iOS, con quella grande testata che ben si sposa con i grandi schermi di iPhone XS ed XS Max, ma che risulta gradevole anche su un più piccolo iPhone 7. Troveremo in prima pagina le varie sezioni del nostro feed RSS, importate direttamente dal nostro aggregatore, più la sezione “Discover” che ci permette ad esempio di andare a leggere gli articoli più letti oppure di leggere tutti gli articoli di un determinato autore.

Quando si apre un articolo il testo visualizzato sarà preso direttamente dalla pagina web, evitando quindi il problema degli articoli troncati. La visualizzazione sarà simile alla reader mode di Safari, con molte impostazioni possibili per regolare il carattere, in modo tale da garantire una perfetta esperienza di lettura. Nelle impostazioni inoltre troviamo una granulare gestione della modalità di lettura, se infatti il sito (come instaNews) non tronca il testo degli articoli, possiamo impostare che di base venga mostrato il testo dell’articolo presente sul feed, senza dover andare a scaricare la pagina web. Non manca la presenza di diversi temi, tra cui quello nero perfetto per gli schermi OLED degli ultimi iPhone. Un plauso particolare va allo sviluppatore, che si impegna costantemente nello sviluppo e aggiornamento dell’applicazione, che é universale (non oso immaginare quanto sia comodo usufruire del grande schermo di un iPad Pro). Nelle scorse settimane é arrivato il pieno supporto alle Siri Shortcuts ed ovviamente non manca la possibilità si usufruire del Drag and Drop nativo arrivato con iOS 11.
lire recensione
Se quindi siete fedeli utilizzatori dei feed RSS e vi serve un modo per leggerli sul vostro iPhone, lire è quello che fa per voi. Ho usato per anni Reeder e di recente ho provato Unread, ma ho trovato lire più personalizzabile e con un’esperienza di lettura molto più confortevole, ed essendo questa la vera ed unica essenza di un lettore di notizie mi sento in dovere di consigliarla come migliore app per leggere i feed RSS.

lire è disponibile sull’App Store al prezzo di 7,99€

Categorie
Software Tecnologia

Recensione: Overdrop per Android, meteo con un tocco stile

Di Walter Tomiati

Overdrop è una nuova app per controllare le previsioni del tempo con molti widget a disposizione. La grafica ben curata vi farà dimenticare tutte le altre numerose alternative presenti per Android.

Overdrop Uno dei maggiori punti di forza di Android è sicuramente la libertà di personalizzazione, con la quale abbiamo infinite possibilità di combinazione. Oggi rimango su questo tema parlando di una applicazione davvero interessante che appagherà i vostri occhi: Overdrop. Si tratta di una app per il meteo con grafica minimale e varie informazioni come copertura nuvole, pressione, probabilità pioggia, temperatura, umidità, velocità vento; il tutto accompagnato da un’animazione di sfondo che cambia a seconda alle attuali condizioni meteorologiche. All’interno della schermata principale abbiamo anche la panoramica dei prossimi sette giorni, con dati forniti da Dark Sky. Inoltre non manca la possibilità di salvare più luoghi oltre ad ottenere quello attuale tramite la posizione GPS. Ma quello che mi ha convinto più di tutto sono stati i diversi widget eleganti e personalizzabili al tempo stesso: danno un vero tocco di stile alla home e possono visualizzare informazioni aggiuntive oltre al meteo, come per esempio la percentuale di batteria oppure il calendario.

Conclusioni

Nonostante sia ancora in fase di beta, Overdrop è perfettamente funzionante e la ritengo una tra le migliori app presenti sul Google Play. E’ disponibile sia in versione gratuita sia a pagamento; quest’ultima oltre ad eliminare gli annunci pubblicitari sblocca anche i temi ed alcuni widget che nella versione free non sono selezionabili. Se siete alla ricerca di nuove personalizzazioni per il vostro dispositivo Android dovete provarla assolutamente: è molto accattivante e intuitiva anche per i meno esperti, e con il tempo potrà solo che migliorare. Personalmente la sto utilizzando già da diverse settimane, convincendomi del tutto al punto che ha preso il posto del precedente widget. L’unico neo negativo è la non completa traduzione: alcune parti infatti, come ad esempio i widget, sono in lingua inglese; Una cosa davvero di poco conto che potrà essere risolta con gli aggiornamenti futuri. Nei prossimi giorni non esiterò ad acquistare la versione pro, in modo da supportare anche lo sviluppatore.

Categorie
Software Tecnologia

Recensione: Things 3 per macOS ed iOS

Di Leonardo Razovic

Produttività. Questa è stata la parola chiave di Things fin dalla sua prima versione nel 2008, e ora che siamo giunti alla sua terza incarnazione l’applicazione si è evoluta per rispettare le più moderne linee guida Apple. La chiave per una migliore produttività secondo Things consiste nel “Get Things Done” di David Allen, e nelle sue cinque fasi per rendere ordinato il caos della vita quotidiana.Things Logo

 

Raccogliere

Il prima passo è raccogliere tutto ciò che cattura la tua attenzione: attività che bisogna svolgere in maniera obbligatoria, passioni, progetti in sviluppo o semplici idee. L’importante è prendere nota, e proprio per questo l’azione principale che possiamo effettuare in Things è aggiungere un nuovo “Task” dal comodo pulsante “+” che facilmente si raggiunge con il pollice in qualsiasi schermata dell’applicazione. Oltre al nome del nuovo “To-Do” si può inserire una specifica data oppure un momento della giornata per creare un promemoria e inserire una deadline.

Things 3

Esaminare

Il passo successivo è esaminare i nostri progetti ed i nostri To-Do. È proprio qui che maggiormente si apprezza la cura nei dettagli che Cultured Code ha inserito durante la fase di progettazione e realizzazione. Ogni singolo elemento, animazione o immagine è curato nel dettaglio, si riesce a percepire una sensazione di piacere ogni qual volta si cambia schermata o bisogna entrare in qualche menu secondario non direttamente visibile. Questa perfetta esperienza utente ci aiuterà a esaminare nel dettaglio solo i compiti realizzabili e ad eliminare (o posticipare) azioni che sappiamo di non poter attuare nell’immediato o nel futuro prossimo.

Organizzare

Ora che abbiamo tutte le nostre future attività salvate possiamo procedere con organizzarle. Possiamo creare liste, progetti, tag, aree, le possibilità e le combinazioni per tenere organizzato quello che dobbiamo fare sono molte, e questa libertà ben si adatta alle esigenze personali. Nonostante inizialmente fossi scettico e pensassi che tutta questa libertà mi avrebbe portato ad una pessima organizzazione mi sono dovuto ricredere. Sia grazie alle spiegazioni che si trovano all’interno dell’applicazione, sia grazie alla facilità nelle interazioni, è stato possibile trovare uno schema da seguire per tutti i progetti che sto seguendo.

Verificare

Una cosa è annotare che dovete chiamare quell’azienda o scrivere una recensione, altra cosa è ricordarsi di farlo nel momento opportuno. Per questo dovete passare in rassegna a intervalli regolari i vostri impegni. In questa fase vengono in nostro soccorso le sezioni Anytime, Someday, Today e Upcoming che sono perfettamente integrate con le applicazioni Calendario, Promemoria e Siri. Essere nel pieno del flusso è utile per portare a termine attività concrete, ma ogni tanto bisogna uscirne o saremo trascinati dalla corrente di lavoro senza essere più in grado di capire in che direzione stiamo andando. Le tempistiche per la verifica stanno a voi: quella da usare più spesso è perlomeno la cadenza settimanale.

Fare

Con l’ultima parte Things non può aiutarvi, ora che avete raccolto tutte le vostre attività, le avete esaminate per capire di cosa si tratta e a cosa servono, le avete organizzate in modo da sapere come siano interrelate tra loro e come siano interrelati i vostri compiti con quelli dei collaboratori, avete verificato che il tutto fili e vi siete fatti un quadro di insieme, non vi resta che agire e portare al termine i vostri compiti!

Conclusioni

Possiamo dire di tutto su Things 3, tranne che sia economico. Questo però è uno degli esempi più lampanti che la qualità si paga, gli sviluppatori si impegnano costantemente per introdurre novità e migliorare caratteristiche già presenti.  Prima di procedere con l’acquisto vi consiglio vivamente di sperimentare il metodo GTD, approfondendo l’argomento e magari acquistando il libro di David Allen. Vi posso assicurare che nonostante il mio scetticismo iniziale organizzare in maniera efficiente il tempo aiuta sensibilmente ad aumentare la produttività, e Things, se usate unicamente prodotti Apple, è senza alcun dubbio l’applicazione che vi permette di farlo nella maniera migliore possibile, senza distrazioni ed altre perdite di tempo. Le varie versioni per iPhone, iPad e macOS sono omogenee ed equivalenti tra loro, grazie alla sincronizzazione (proprietaria, non tramite iCloud) tutti i vostri impegni saranno sempre sincronizzati tra le vostre piattaforme. Se dunque cercate un task manager semplice, pulito ed elegante, Things fa al caso vostro, se invece usate prodotti all’infuori della famiglia Apple dovete cercare altrove.

Things 3 è disponibile per iPhone al prezzo di 10,99€, iPad al prezzo di 21,99€ e macOS al prezzo di 54,99€.

Categorie
Software Tecnologia

Recensione: PDF Converter su iOS, quando ti salvi con poco

Di Claudio Stoduto

Il mondo delle app per iOS è praticamente infinito ed anche PDF Converter è ufficialmente entrata nel mio cuore.

Essendo diventato totalmente iOS Friendly nell’ultimo periodo sono andato alla ricerca di qualche applicazione che mi permettesse di aggirare il problema legato alla stampa dei documenti. Si ci sono varie soluzioni, tra cui AirPrint integrato di Apple, ma non dispongo sempre di una stampante con tale tecnologia e quindi mi sono dovuto abituare a situazioni differenti. A venirmi incontro è stato ancora una volta un software di Readdle, nello specifico PDF Converter.

Come avrete capito dal nome, si tratta di un software che converte praticamente qualsiasi elemento condiviso in esso in un PDF. Che sia una foto, un link ad una pagina web o altro, un sarà in grado di metterlo assieme e generale un unico file pronto eventualmente da inviare, condividere o stampare.

L’interfaccia dell’applicazione si presenta con una pulizia che da sempre contraddistingue i software sviluppati da Readdle. In pochi passi infatti sono stato subito in grado di capire e comprendere tutte le funzionalità principali di PDF Converter. A lato sulla sinistra troveremo vari tab dedicati che ci permetteranno di selezionare delle potenziali fonti pronte per essere convertite. Mi ha fatto molto piacere trovare il collegamento all’applicazione File di iOS così come al rullino fotografico in maniera tale da poter inviare più foto rapidamente in un unico documento.

Conclusioni:

Alla fine sono molto soddisfatto di questa applicazione. La uso ormai quotidianamente e non ha mai sbagliato nel riconoscere il testo in ogni possibile situazione. Mi ha dato sempre il 100% in ogni situazione e non posso che consigliarvi l’acquisto. Ritengo sia un ottimo metodo per poter ovviare all’impossibilità di stampare, oltre che ad un metodo per potersi salvare perfettamente parecchi documenti.