Categorie
Accessori

Recensione: Inateck custodia rinforzata per 12/13″

Di Claudio Stoduto

Trasportare il mio MacBook Pro è sempre un’impresa per me e sperava che questa custodia di Inateck potesse facilitarmi l’operazione.

Img 0584

Img 0586Quando decido di spostare il mio MacBook Pro 2018 dalla scrivania per me è sempre un dramma visto che, nonostante le mille precauzioni, alla fine ho sempre paura di dargli qualche botta di troppo. Ho cercato per vario tempo una custodia che fosse ben imbottita ed allo stesso tempo carina dal punto di vista estetico salvo trovare poi questo modello oggi oggetto di recensione di Inateck.

Lo dico subito, nonostante quello che viene riportato, il mio MacBook entra mentre l’iPad Pro 12,9 no purtroppo. Che sia con o senza Smart Cover e/o Smart Keyboard non cambia.

Detto questo due sono gli elementi che mi hanno convito: la grande imbottitura interna sui bordi della stessa custodia e la compattezza generale. Sul primo non ho niente da aggiungere se non che, in questo modo, non dovreste incorrere in alcun rischio. Sul secondo invece non è un elemento così scontato come potrebbe sembrare. Infatti mi sono spesso ritrovato con delle custodie che alla fine cedevano nel lungo periodo e che quindi iniziavano a far ballare il prodotto al loro interno. In questo caso invece devo dire che la robustezza generale potrebbe giocare un bel fattore e rendere il mattoncino con il computer al suo interno praticamente sempre uguale.

Img 0585

Conclusioni:

Mi piace e se proprio devo trovare un difetto sta nella colorazione che, nel tempo, può facilmente essere soggetta a diventare più scura per l’uso. Ottimo il prezzo, leggermente sopra la media per quelle due o tre differenze fra cui anche un panno incluso per pulire il nostro dispositivo. Peccato non ci stia il mio iPad Pro 12,9 2017.

Categorie
Accessori

Recensione: Lampada Tomons a base rotonda

Di Claudio Stoduto

Sto provando anche questa lampada di Tomons a base rotonda e la resa finale non è poi così diversa dal modello precedentemente testato.

Img 0711

Torniamo a parlare di lampade e della possibilità di avere a disposizione, al giusto prezzo, dei prodotti di qualità grazie a Tomons.

La recensione in questione non è molto diversa da quella già pubblicata del modello simile. Molti aspetti sono ripetitivi, per cui vi do solamente le mie conclusioni finali sul prodotto.

Conclusioni:

Il modello LP04003 qui in esame è sicuramente uno dei prodotti best buy della categoria. L’aspetto permette di poter utilizzare questa lampada in ogni contesto, non soltanto quello relativo ad un semplice comodino. Le sue dimensioni compatte poi agevolano la possibilità di trovare diverse soluzioni di questo genere oltre che ad ottenere un buon compromesso nel suo aspetto più generale. Consigliato? Al prezzo di listino di 29,99 euro ci sono poche altre alternative che differiscono, alla fine, solamente per qualche componente estetico differente.

Categorie
Accessori

Recensione: Lampada Tomons da comodino

Di Claudio Stoduto

Sto provando alcune altre lampade di Tomons fra cui questa da comodino molto semplice ed elegante.

444e44db 6d15 4069 Af28 5c367611fb4f

Le lampade realizzate da Tomons mi stanno particolarmente piacendo sotto vari punti di vista. Oltre ad essere alla fine molto economiche, sono decisamente valide ed in grado di soddisfare le aspettative dell’utente finale.

Il modello LP04002 in questione è decisamente quello più stretto e compatto fra quelli messi a disposizione dall’azienda e che offre una soluzione stilisticamente adattabile ad ogni possibile contesto domestico. Nel mio caso specifico, nonostante il suo pensiero e la sua predisposizione, l’ho messa sulla mia scrivania ed il risultato non mi dispiace per nulla. La struttura è composta da due parti facilmente componibili in meno di dieci minuti con la base in legno molto pesante e ben bilanciata e la paratia superiore del lume invece che assorbe non poca luce.

Uno dei vantaggi di questo prodotto è di avere un telecomando integrato dimmerabile tramite il quale potremmo avere a disposizione la possibilità di decidere noi l’intensità della luce che fuoriesce da essa. La lampadina fornita in confezione è la più classica delle E14 in commercio che potrà poi essere sostituita anche con un modello smart come una delle tante Philips Hue. Ad ogni modo quella che troviamo in confezione, non è da dare per scontato come concetto, offre una luce molto calda ed intensa ed una luminosità che risulta più che accettabile per un uso normale da comodino. Se invece montata su una scrivania forse, come nel mio caso, si potrebbe pensare ad un modello con colori più freddi e più forti.

Conclusioni:

Ancora una volta i prodotti Tomons mi stupiscono per l’ottima qualità ed un prezzo onesto. Venduta a 29,99 euro di listino, questa lampada da comodino potrebbe soddisfare le richieste di moltissimi utenti interessati ai prodotti di questo genere.

Categorie
Accessori

Recensione Inateck Hub USB 8 in 1

Di Claudio Stoduto

Ho trovato il miglior Hub USB C per il mio MacBook e lo ha realizzato Inateck.

Ef8d21b7 3e05 467f A7d0 91de6023d99e

Da quando ho acquistato il mio MacBook Pro devo dire che non ho mai avuto pace con tutti gli adattatori che le aziende mi hanno proposto di provare. Non ne trovavo uno che facesse realmente al caso mio in ogni contesto salvo dovermene sempre portare dietro un paio per stare tranquillo. Almeno tutto questo succedeva sino ad oggi, ovvero da quando ho provato questo prodotto di Inateck, un Hub USB C 8 in 1. Quando mi è arrivato ho detto a me stesso che forse era la volta buona che queste benedette porte USB C / Thunderbolt 3 avessero preso un senso. Non tanto perché non ci fossero dei prodotti interessanti, quanto in realtà economici e di buon livello oltre che accessibili per tutte le tasche.

Cosa non abbiamo con questo prodotto? Una pochette per il trasporto, ma dopo vi spiego meglio come non è un problema per me, ed un cavo USB C lungo oltre dieci centimetri e niente di più. C’è la piena compatibilità con la ricarica Power Delivery fino a 100 W (ergo potrete ricaricare anche allo stesso tempo il vostro MacBook Pro 15 con 87 W richiesti) e tutte le connessioni che mancano sugli ultimi ultrabook ultra sottili e scomodi. Spazio ad una bella HDMI, alla VGA, due USB 3.0, una Ethernet, un lettore di schede SD ed uno di microSD. Non ho avuto alcun problema in queste settimane di test, le periferiche collegate ad esso non hanno mai mostrato problemi e/o disconnessioni pur sfruttando a pieno praticamente quasi tutte le porte a disposizione.

Il vero vantaggio per il sottoscritto però consiste nel non avere quel fastidioso cavetto di connessione al computer lungo dieci o forse quinidici centimetri. O meglio c’è, ma la genialità è che qui Inateck ha preferito inserire finalmente un ingresso femmina sulla scocca dell’Hub in maniera tale da lasciare allo stesso utente la possibilità di utilizzare un proprio cavo anche più lungo. Nel mio caso ad esempio ho installato poi questo Hub sotto la scrivania nascosto ed ho usato il cavo USB C presente in confezione al mio MacBook Pro per poi collegarlo allo stesso computer. Sarà sufficiente poi usare un altro cavo USB C maschio – maschio per collegare poi questo dispositivo al nostro computer. Questo fa letteralmente la differenza, nel mio uso, e mi ha permesso di trasformare finalmente il mio portatile anche nel mio computer fisso di lavoro.

11fad934 53b0 474a 92dc 952592790639

Conclusioni:

Non posso dire che si tratta di un prodotto non valido, anzi tutto il contrario. Per me vale oltre le cinque stelle classiche che si possono in genere assegnare perché è finalmente il primo accessorio di questo genere che da spazio all’utente senza imporre una dimensione ridotta che spesso si scontra con dei cavi che si intrecciano o delle periferiche che creano soltanto caos. Viene venduto a 69,99 euro e vale ogni singolo centesimo. Non è il più comodo da portarsi in giro per via delle dimensioni leggermente più ingombranti anche rispetto ad altri prodotti della stessa azienda, ma non importa perché è il primo vero Hub che finalmente mi soddisfa al 100% senza farmi pesare l’uso di queste porte “difficili”. Da prendere ad occhi chiusi.

Categorie
Accessori

Recensione: Inateck Docking Station USB 3.0 per Hard Drive

Di Claudio Stoduto

Quando si parla di Hard Drive è sempre complesso, ma Inateck ha fornito un ottimo accessorio utile in più di una occasione.

4ec33afa Cd25 4efd A388 9e30d3b635f2

Nel mio scaffale degli attrezzi sono ormai un paio di settimane che ho inserito anche questo splendido accessorio della Inateck che permette di poter lavorare su due Hard Drive contemporaneamente.

È uno dei prodotti più venduti su Amazon e le recensioni in tal senso parlano da sole. Sulla sua affidabilità non avevo dubbi, quanto invece sulla sua effettiva utilità. Non si tratta di una docking station che usiamo effettivamente tutti i giorni, almeno in teoria, o di uno di quegli elementi da tenere esposto sulla propria scrivania. Non è bello come un HD esterno di ultima generazione, ma sa il fatto suo. Spigoloso al punto giusto tanto da poter essere messo in un angolo della scrivania e non aver alcun tipo di problema.

Sulla connettività non ci sono problemi. Con i miei disk, indipendentemente dal fatto che fossero da 2,5” o 3,5” non ho avuto alcun genere di problema. Che siano essi poi meccanici o SSD, il trasferimento dei file non ha mai subito dei problemi ma, cosa ancora più importante, le velocità sono state assolutamente oneste ed affidabili. Si può tranquillamente usare come ponte di collegamento o come strumento di clonazione di backup offline del contenuto presente nei due singoli contenitori. Il collegamento con la porta Sata III interna comunica correttamente ed i sistemi integrati permettono di evitare, a causa di cali di tensione o potenziali corto circuiti, di non perdere i dati dentro i faile. Molto carina la funzionalità tramite la quale, dopo 30 minuti circa dalla disattivazione dei due dischi, entra la modalità sleep. Niente di drammatico eh, con un semplice clic ritornano entrambi operativi ma un occhio di riguardo ai consumi non fa mai male.

D561991e 5cfb 4908 A595 945c4ce660d8

Conclusioni

L’unico difetto, se così lo possiamo definire, riguarda l’alimentatore esterno (non schuko fortunatamente). Purtroppo c’è e non basta una semplice porta USB 3.0 ad alimentare il tutto. La corrente sarà necessaria per mantenere in piedi la connessione, giustamente dei due dischi. Ma pensateci bene, quale altro HD esterno avete mai visto da 3,5” senza corrente? Ecco, qui ne potreste avere due. Al prezzo offerto è un prodotto che si può acquistare ed usare tranquillamente.